OICE trasmette al Governo le prassi per la sicurezza Covid-19 nei cantieri

Sicurezza cantieri edili

OICE* ha trasmesso a Governo, Parlamento, Task force Colao, ANAC e Istituto Superiore per la sanità, il documento di OICE Academy dal titolo Proposte OICE per la “Fase 2” e la gestione della sicurezza nel cantieri.

Le proposte sono il frutto del lavoro di project manager, direttori lavori e coordinatori della sicurezza di società associate, attualmente impegnati in importanti cantieri del nostro Paese.

Dal documento emergono fra le altre cose: la necessità di linee guida cogenti che vadano oltre, dettagliandone i contenuti come abbiamo provato a fare nel nostro documento, i protocolli siglati a marzo; l’esigenza di organizzare e rendere disponibili presìdi sanitari capillari su tutto il territorio nazionale, la necessità di creare una filiera produttiva nazionale di DPI per garantire in ogni cantiere DPI e termoscan, evitando blocchi delle attività appena riavviate per loro mancanza.

Una delle più rilevanti richieste riguarda anche il tema dei maggiori costi sostenuti da tutti gli attori coinvolti nel processo costruttivo (CSE, DL, Appaltatore e Committenza) per l’adeguamento delle prescrizioni di sicurezza derivanti dall’emergenza Covid-19 e per gli impatti di tali misure, vera e propria “forza maggiore” imprevedibile. 

_________________

L’OICE è l’Associazione di categoria, aderente a Confindustria, che rappresenta le organizzazioni italiane di ingegneria, architettura e consulenza tecnico-economica. Costituita nel 1965, grazie alla costante crescita del numero di associati, l’OICE raggruppa oggi molte tra le grandi società di ingegneria italiane e la maggior parte delle più qualificate piccole e medie aziende del settore.

Invia WhatsApp
Torna su